Pino Maniaci smentisce, “nessuna candidatura”

“Io sto con Antonio Ingroia ma non sarò candidato”. Poche righe quelle diffuse oggi da Pino Maniaci dopo che domenica la giornata pre elettorale era stata segnata anche dalle voci si una sua possibile candidatura, con una lista apparentata al centro destra. Tutte notizie da cancellare. “L’Associazione LES (libere emittenti siciliane), presieduta da Sebi Roccaro – spiega Pino Maniaci – intendeva partecipare alle prossime elezioni politiche con una lista propria, espressione delle esigenze di numerosi emittenti Siciliane. Dopo il passaggio al digitale terrestre molte realtà sono rimaste fuori, senza alcun diritto e senza alcune voce. L’associazione mi ha chiesto, perché sempre in prima linea nelle costante attività a tutela della trasparenza e della legalità, di prestare il proprio volto come icona della lista, sottolineando comunque l’intenzione recepita dall’associazione di non candidarmi personalmente. In buona fede e condividendo la causa, ho accettato di buon grado, delegando ad altri il compito di occuparsi delle liste e di tutto il resto. La vita frenetica di Telejato non concede spazio ad altri impegni. Quindi, i passaggi burocratici, gli apparentamenti e tutto il resto sono stati curati da altri esponenti dell’associazione”. Insomma l’apparentamento con la lista Pdl berlusconiana non è cosa di Pino Maniaci? “Erano stati condivisi in buona fede il progetto e la causa dell’associazione. Si era parlato di un eventuale apparentamento tecnico con il Partito Democratico che alla fine ha declinato l’apparentamento trovando invece pronto il centrodestra ad accoglierla. Pino Maniaci non ha nulla a che fare con Berlusconi, Raffaele Lombardo, Dell’Utri, Saverio Romano e Miccichè. Ed è nota la mia opinione su tali personaggi. Soltanto il pensiero che l’immagine e la storia di Telejato potessero essere accostati a questi personaggi, appare raccapricciante. Non possiamo giammai legarci a partiti e soggetti di dubbia moralità”. L’impegno continua, ma in tv: “TeleJato non è la voce di partiti o coalizioni, è la voce dei cittadini, della gente contro un sistema malato, non sono stato candidato e non lo sarò mai”.