Operazione Apice: i soldi del pizzo per il matrimonio della figlia

Appalti, l’ortofrutta, le mediazioni, la riorganizzazione mafiosa. C’era tutto questo nell’«agenda» di Gaetano Riina, 79 anni, arrestato venerdì dai carabinieri di Monreale in una indagine che pur concentrata sulla provincia di Palermo, sulla Corleone che in parte continua a riconoscere il potere sanguinario dei Riina, tocca anche la provincia di Trapani e non solo per la circostanza che Gaetano Riina da tempo abita a Mazara del Vallo. Ci sono, nell’elenco delle malefatte scoperte, le estorsioni che Gaetano Riina avrebbe compiuto per appalti banditi dalla Provincia regionale di Trapani. Ci sono gli interessi che non avrebbe nascosto nell’ambito dei mercati ortofrutticoli mazarese e marsalese, i suoi rapporti con gli imprenditori agricoli Sfraga di Marsala, gli stessi coinvolti nell’indagine sul mercato di Fondi e nei rapporti con i casalesi. Gli stessi rapporti che sarebbero stati mediati dal capo mafia latitante Matteo Messina Denaro.

È possibile che Gaetano Riina avrebbe imposto il «pizzo» a Trapani senza concordare nulla con Messina Denaro? La risposta degli investigatori è negativa, anzi l’indagine sul fratello di “Totò u curtu” tradirebbe quelle che sono le nuove alleanze che si muovono nel contesto mafioso. Riina e Messina Denaro sono tornati a stare assieme semmai si siano mai «divisi»: è una cosa il rispetto tenuto da Matteo Messina Denaro nei confronti di Bernardo Provenzano (rispetto garantito sino a quando però il boss non fu arrestato, la scoperta che il “vecchio” teneva intatto l’archivio dei “pizzini” fece andare su tutte le furie il giovane boss secondo il racconto scritto in altri “pizzini”), un’altra cosa l’obbedienza verso Totò Riina. D’altra parte in alcuni «pizzini» diretti a “Binnu” Provenzano e trovati nella masseria di Montagna dei Cavalli dove il “fantasma di Corleone” è stato catturato, “Alessio”, alias di Matteo Messina Denaro, fa riferimento a notizie che gli sarebbero giunte da «Ttr», Totò Riina hanno letto gli investigatori. Sebbene in carcere al 41 bis, Totò Riina sarebbe riuscito a fare veicolare messaggi verso il giovane padrino di Castelvetrano. Ma c’è un altro elemento che conferma il legame tra Matteo Messina Denaro e Gaetano Riina: le indagini dei carabinieri di Monreale hanno registrato un incontro che ci fu tra lui, Gaetano Riina, e lo «zio Franco», al secolo Francesco Luppino di Campobello di Mazara, «longa manus» del boss latitante.

L’estorsione. La richiesta estorsiva avrebbe riguardato i lavori di manutenzione straordinaria della strada provinciale 29 (Trapani-Salemi, appalto per 1 milione di euro del febbraio 2010), secondo l’ordinanza eseguita all’esito delle indagini condotte dai carabinieri a riscuotere il pizzo sarebbero stati un certo Giuseppe Genna di Paceco, e un tale Riccardo Di Girolamo, una parte di quei soldi furono spesi per il matrimonio della figlia di Riina, la divisione avrebbe riguardato anche i mandamenti di Mazara e Trapani, e anche Ninetta Bagaella, la moglie di Totò Riina.

Dalla sua villetta, molto dimessa, di Mazara, dove era andato ad abitare, Gaetano Riina si sarebbe occupato anche dei commerci di frutta, di quello che succedeva nei più importanti mercati della provincia di Trapani. Insomma il suo sguardo non era tutto rivolto su Corleone.

 Il legame con Mazara da parte dei Riina è antico e forte. Mazara del Vallo è da decenni la città di Gaetano Riina e lì venerdì i carabinieri del comando di Monreale sono andati ad arrestarlo, in una casa in via degli sportivi nella frazione di Tonnarella. Anche suo fratello Totò non disdegnava di frequentare la cittadina trapanese, e durante la sua lunghissima latitanza, qui ha trascorso tante giornate d’estate, ma anche alcune di quelle invernali, «ospite» di uno dei suoi storici alleati, il capo di Cosa nostra mazarese, Mariano Agate. Partecipando a summit presso la Calcestruzzi Mazara, di proprietà della famiglia Agate, sedendo a capotavola e distribuendo complimenti agli amici fidati, oppure decidendo di togliere le spine, così diceva, quando c’era da fare ammazzare qualcuno. Frequentazione, quella con Agate, comune anche per Gaetano Riina.

Il nome del fratello di «Totò u curtu» compare in diverse indagini giudiziarie, a cominciare da quella condotta negli anni ’70 attorno alla «Stella d’Oriente» una società costituita dal cugino di Mariano Agate, Giuseppe Di Stefano e da Giuseppe Mandalari, il commercialista palermitano, professionista di fiducia di Riina, e il cui nome compare anche a proposito della “iniziazione” della loggia massonica coperta di Trapani, «Iside 2». La società costituita a Palermo fu trasferita come sede a Mazara, sancì la «collaborazione» tra mafia e camorra, soci divennero una serie di conclamati mafiosi, Mariano Agate, suo fratello Giovan Battista, Salvatore Tamburello, parenti dei fratelli Nuvoletta di Napoli, capo-clan dell’omonima famiglia camorristica. Gaetano Riina aveva lì suo cognato, Vito Maggio. Amministratore unico fu nominato Vito Manciaracina, genitore di Andrea, il giovane che negli anni 80 ebbe modo di appartarsi a quattr’occhi con il senatore Andreotti durante una visita di questi a Mazara. La società serviva al riciclaggio di denaro, con trasferimenti di ingente contante (2 miliardi di vecchie lire) in Svizzera. Soldi si pensa provenienti dai traffici di droga.

Ma la vicenda più clamorosa nella quale compare il nome di Gaetano Riina è quella relativa alla confisca di una sua villa, e di un terreno, posseduti ancora e sempre a Mazara. Una confisca che determinò la inappellabile sentenza di morte pronunciata dal tribunale mafioso contro un giudice, Alberto Giacomelli, ucciso il 14 settembre del 1988 appena fuori Trapani, era già in pensione ma per quella firma apposta in calce all’ordinanza di confisca era rimasto nell’elenco delle vittime designate. La confisca risale al 1985, a firmare il dispositivo in primo grado fu il giudice Giacomelli. Gaetano Riina continuò ad abitare la villa nonostante l’avesse avuta confiscata e quando arrivò l’ordine di sfratto nel 1988, scattò la vendetta. Giacomelli fu ucciso e poi la mafia completò l’opera infangando il nome come solo Cosa nostra è capace di fare. Un finto pentito poi consegnò alla magistratura una banda di balordi che Giacomelli in passato aveva condannato, ma loro col delitto non c’entravano nulla. Ad entrare in azione era stata una banda di sicari mandati da Totò Riina che così ha voluto difendere il “buon” nome del fratello. Totò Riina per questo delitto ha avuto inflitto un ergastolo, la villa che fu di Gaetano Riina oggi è sede del comando della Guardia di Finanza a Mazara. Fu confiscato anche un terreno, ma quello ancora oggi rimane inutilizzato. A Trapani non è una novità che i beni confiscati restino confiscati sulla carta. In attesa di assegnazione restano, per esempio, i 70 ettari sottratti al narcotrafficante mafioso di Salemi Totò Miceli, il Comune li ebbe assegnati ma non li ha mai dati in gestione, tante parole e tante buone intenzioni, fino a quando non è stata intercettata una conversazione dell’attuale sindaco, Vittorio Sgarbi, che quando c’era da assegnare il terreno a Libera e a Slow Food disse chiaramente che “a quelli di don Ciotti” non avrebbe dato niente. Sgarbi è il sindaco che sostiene che la mafia non esiste più, e che ci sono i mafiosi incapaci di organizzarsi, a pochi chilometri da Salemi, a Mazara c’era il fratello di Totò Riina, Gaetano, che non solo ha dimostrato a 79 anni capacità di riorganizzazioni, ma faceva le estorsioni sotto al naso dei politici che negano l’esistenza di Cosa nostra.