Informatizzare la giustizia

 

 

 

(di Paolo De Chiara)

 

 In attesa della visita del Ministro Brunetta il presidente del Tribunale di Isernia non si sbilancia. 

“In un clima così acceso, certamente stupido e inopportuno, sarebbe gettare benzina sul fuoco. Questo in un contesto nel quale io sono di quei magistrati che ritiene che il magistrato deve fare il magistrato. Non può fare l’opinionista”. Con questa avvertenza è iniziata l’intervista al Presidente del Tribunale di Isernia Guido Chionni. Con il magistrato non c’è stato verso di affrontare la “riforma” della Giustizia (“Del processo breve non voglio parlare”). Su questo argomento Chionni si è dimostrato intransigente. E, allora, abbiamo analizzato i problemi della giustizia, gli attacchi quotidiani che la magistratura subisce dalla classe politica e l’informatizzazione annunciata dal ministro Brunetta. Che nei prossimi giorni farà visita al Tribunale del capoluogo pentro.   

Ma questa “riforma” risolve i problemi della giustizia? Cosa deve sapere l’opinione pubblica?

“Detto che non è mio compito parlare di questa riforma, quello che da magistrato con 42 anni di servizio, con la responsabilità di dirigere un ufficio, penso di poter dire innanzitutto una cosa. Il problema della giustizia per la lunghezza dei processi riguarda soprattutto la giustizia civile e un po’ meno la giustizia penale”.

Problemi che toccano da vicino i cittadini.

“Che toccano da vicino i cittadini come il penale. Il problema principale della situazione della giustizia, dei difetti, dei guai, dei problemi della giustizia oggi sta in due termini fondamentali. Uno: la mentalità, l’approccio, le norme. Due: la quantità del contenzioso”.

Si spieghi meglio.

“Il nostro è un Paese troppo litigioso. Si litiga anche per le cose più stupide e più piccole. E questo è un difetto enorme che ci portiamo addosso. Non so perché, si sveglia uno la mattina e dice: “adesso sai che faccio? Faccio l’esposto alla Procura della Repubblica che risolve tutto”. E quanti magistrati? Ci vorrebbero milioni di magistrati. Il che è ridicolo, è ridicolo anche solo ipotizzarlo. Il contenzioso è eccessivo”.

Il processo breve risolve i problemi della giustizia?

“Del processo breve non voglio parlare. Quando il magistrato esprime dei pareri, in qualche modo, è come se prendesse posizione e produce l’effetto di farlo incasellare in un orientamento. Il giudice deve impegnarsi con tutte le sue forze ad essere e ad apparire terzo in ogni sua manifestazione. In ogni sua opinione. E’ chiaro che il giudice ha le sue opinioni, ma se le deve tenere per sé”.

Lei crede di far parte di una casta?

“I magistrati sono uomini come gli altri. Ci sarà il magistrato più bravo, il magistrato meno bravo. Ci sarà pure il magistrato che ha qualche problema. Da qui a fare di tutta un’erba un fascio, etichettare… Io credo nella magistratura. Quello che mi dispiace è vedere il clima che si va deteriorando. Sento di fare ogni sforzo per oppormi al clima che va degenerando. E uno dei modi è quello di rimanere ciascuno nel suo ambito”.

Un suo illustre collega, Giovanni Falcone, rivolgendosi al suo amico Paolo Borsellino disse: “la gente fa il tifo per noi”. C’è oggi quell’entusiasmo intorno alla magistratura?

“Il momento è difficile, il problema è grosso. Coinvolge i mezzi di informazione. Il sistema dell’informazione è in grado di orientare molto le persone. E’ cambiata anche la gente. C’è una crisi delle Istituzioni che coinvolge un po’ tutti. Mentre prima vi era un rispetto generalizzato, le crisi che hanno caratterizzato il nostro tempo, certi problemi, certi scandali hanno minato questo sistema. Oggi chiunque si sente in diritto di esprimere giudizi che prima nessuno si sarebbe mai sognato di esprimere. Arriva uno, si sveglia e dice: “ma il presidente del consiglio dovrebbe fare così o colì. Ma la Corte Costituzionale sarebbe meglio se facesse così..”. Ma questo riguarda un po’ tutti. Oggi sono cambiati i tempi. La gente è cresciuta, forse, anche disordinatamente per effetto della televisione, dei giornali, ect. Sente, sente tante cose e ad un certo punto si sente all’altezza, se vogliamo usare questo termine, di dare dei giudizi. Di sostituirsi. La democrazia è tanto bella e apprezziamola, difendiamola e ha anche dei risvolti negativi. Certe volte mettere sempre in discussione tutto e tutti non è un bene”.

Dopo 40 anni di attività, cosa ha pensato quando ha visto il manifesto contro i magistrati: “Via le Br dalle Procure”.

“Cosa dire. E’ mortificante ed è spiacevole. Questo contrasto può portare addirittura a eccessi di questo tipo. Credo sia giusto che ognuno si faccia un esame di coscienza e si limiti. Perché, ripeto, esasperare, fino ad arrivare a questo tipo di iniziative, è un danno grave. Che resta. Probabilmente nasce o da rancori personali oppure da posizioni politiche”. 

Il Tribunale di Isernia è stato scelto dal Ministero. Siete stati accolti a Roma dal ministro Brunetta che, nei prossimi giorni, sarà presente nel capoluogo pentro. A che punto siamo con l’informatizzazione?

“L’informatizzazione è una delle pochissime armi che abbiamo. Senza intervenire con modifiche normative, che sono importanti, ma in mancanza di quelle è l’unica arma che abbiamo per fare un passo avanti”.

A che punto siamo nel Tribunale di Isernia?

“Stiamo andando avanti”.

Può indicare un termine?

“Noi procederemo per gradi perché siamo in una fase in cui si sta valutando quali sono le esigenze del Tribunale a livello di macchinari. E poi procederemo per gradi perché questa trasformazione non è che si può fare presto, tutto e subito. E’ collegata a tante altre cose. Si potrà cominciare con qualcosina, poi se ne potrà fare un’altra e poi piano piano”.

L’azione di Brunetta per l’informatizzazione della giustizia sembra una riproposizione di un vecchio spot.

“Non mi sentirà dire “è uno spot”. Devo tenerla per me la mia opinione. Posso dire che l’informatizzazione è un’arma utilissima ed efficacissima”.

Forse, al contrario del processo breve, se l’informatizzazione venisse attuata in maniera ottimale un aiuto potrebbe anche darlo alla giustizia.

“Del processo breve non voglio parlarne. Per quanto riguarda l’informatizzazione è uno strumento di grande utilità. Perchè certamente ci può far recuperare dei tempi”.