Il casinò di Lampedusa

(di Luca Rinaldi)

Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sbarca a Lampedusa e promette di trasformare l’isola nel prossimo Eldorado d’Italia. Dagli immigrati clandestini in ogni dove ai campi da golf, alla scuola, fino al casinò. E giù gli applausi. Forse, un po’, bisognerebbe preoccuparsi a sentir parlare di casinò, che recenti studi e inchieste, indicano come autentiche ‘lavatrici’ di capitali e affari illeciti. Ma la notizia questa volta non è questa. La notizia è che qualcuno al casinò di Lampedusa già ci aveva pensato qualche tempo fa.

Navigando su internet è già possibile digitando http://www.casinolampedusa.it/” arrivare al sito del famigerato casinò di Lampedusa che tutti i lampedusani staranno aspettando con ansia. Forse. L’idea è di un ragazzetto 25enne di Lecce che probabilmente, poco meno di un anno fa, ha avuto l’idea che gli frutterà non pochi denari. Proprio così, perché Antonio Pierri ha acquistato i due domini alla modica cifra di 30 euro e probabilmente sarà contattato pre venderli quei due domini, a peso d’oro.

Come tutti i casinò del mondo infatti, anche quello di Lampedusa dovrà avere un suo sito internet e i due indirizzi registrati dal 25enne di Lecce sono i più appetibili. “Sono un giovane abbastanza ambizioso alla ricerca di iniziative – dichiara a Radio24 nel corso della trasmissione “Sotto Tiro”, condotta da Roberto Galullo e andata in onda questa mattina – tant’è che ultimamente ho anche acquistato dei titoli in borsa, mi piace fare affari. Ma fino a ora non sono arrivate proposte importanti”. Ma lui se n’è interessato già lo scorso anno perchè “già se ne parlava”, glissa alla domanda diretta.Non si preoccupa più di tanto del fatto che casinò faccia rima con mafia, anzi, per lui il problema proprio non si pone e se qualcuno lo fa notare, risponde per le rime “Io faccio i miei affari e la mia vita, poi se qualcuno fa qualcosa di illegale dopo che ho venduto i domini, non mi riguarda più – e poi aggiunge, da vecchio imprenditore navigato e alquanto disinvolto – come lei sa dottor Galullo, che lavora per il Sole 24 Ore, l’economia è fatta di transazioni. E io ho fatto una transazione”.Non male per un 25enne “abbastanza ambizioso”, che rispecchia, in quell’ultima risposta, la mentalità che ha permesso nel corso della storia la prosperità delle mafie, al sud come a nord.