Bologna : rumore infernale

Il rumore è infernale, gli odori sono molto forti, mentre il terreno e le polveri hanno una concentrazione di materiali pericolosi enormemente superiore ai numeri consentiti dalla legge. In via Magellano, nel quartiere Borgo Panigale a Bologna, c’è una ditta, la Gironi Rottami, specializzata in attività di deposito, recupero e lavorazione di materiali ferrosi, rifiuti pericolosi e non, che ha creato e continua a creare molti problemi agli abitanti della zona.

I cittadini si sono rivolti al Movimento 5 Stelle, che lo scorso 4 febbraio ha presentato un’interrogazione regionale per chiedere di revocare la concessione demaniale dei terreni alla Gironi e di procedere alle bonifiche.

 Nel luglio dello scorso anno i grillini pubblicarono un video, “Rumore Infernale”, con interviste ai cittadini e le immagini della ditta. La conseguenza fu una querela per diffamazione nei confronti degli autori, tra cui Massimo Bugani, candidato sindaco del Movimento, e degli abitanti intervistati. 

Nei mesi successivi sono però arrivate le prime conferme alle tante lamentele. Andrea Defranceschi, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, dichiara che «non si parla di un sito potenzialmente inquinato, ma è inquinato. Non abbiamo nulla contro Gironi, ma non è tollerabile che un’azienda del genere sia vicina a delle case, ad un parco pubblico e sulle rive del fiume Reno». 

Ad ottobre, infatti, un’ispezione dell’Arpa ha riscontrato il superamento dei limiti di rumorosità di circa il 65%. Mentre a novembre sono stati raccolti alcuni campioni di terreno e di polvere depositata sui mobili e sui balconi delle abitazioni che si affacciano sull’azienda. Le analisi hanno rivelato una presenza di piombo, rame, cadmio e zinco nettamente superiore, anche di dieci volte, ai limiti previsti dalla legge.